Oggi vediamo insieme le lesioni a carico dei menischi, come diagnosticarle e il loro trattamento.

Cosa sono i menischi?

lesioni menischi 01I menischi sono delle fibrocartilagini presenti all’interno del ginocchio (tra i condili del femore e il piatto della tibia), con scopo di fornire una superficie di appoggio migliore ai capi articolari per aumentarne quindi la stabilità, servono al trasferimento, all’ammortizzamento e alla dissipazione delle forze di carico ascendenti e discendenti.

Visti dall’alto quello esterno ha forma circolare, quello interno a forma di ferro di cavallo. Tra i capi ossei creano un cuneo, essendo più sottili nella zona centrale e più spessi in quella periferica.

lesioni menischi 02Sono forniti di recettori che servono a comunicare al sistema nervoso una serie di informazioni fondamentali ad un corretto movimento e adattamento articolare.

Le lesioni più comuni

Circa i 2/3 delle lesioni interne del ginocchio sono a carico dei menischi, possono essere isolate o si associano a lesioni capsulo-legamentose (per esempio una lesione del legamento crociato anteriore) successive a traumi come le distorsioni.

Il menisco interno è quello più soggetto a lesionarsi.

Come avviene la lesione?

Di solito i menischi si danneggiano per traumi indiretti, ovvero avviene un movimento articolare anomalo di solito combinato tra flesso-estensione e rotazione e si trovano “schiacciati” o “trazionati” dai capi articolari e si crea così una lesione:

  • Piede fisso a terra e ginocchio che si estende velocemente e in maniera estrema.
  • “Calcio a vuoto” durante un’attività sportiva.
  • Flessione o estensione forzata con contemporanea rotazione della tibia.
  • Colpo diretto sul ginocchio con movimento passivo oltre la normale possibilità articolare.

Per motivi anatomici e funzionali le lesioni ai menischi possono essere diverse se si tratta di quello interno o esterno:

  • Menisco interno: più frequenti le lesioni sulla zona posteriore, di solito di tipo longitudinale, causata anche da modesti traumi che nel tempo peggiora fino a prolungarsi e ad isolare un grosso frammento semilunare, chiamata anche lesione a “manico di secchio”. Questo frammento può staccarsi e intrappolarsi tra i capi articolari creando dolore acuto fino al blocco dell’articolazione transitorio o riducibile solo con l’asportazione chirurgica del frammento e con la pulizia del menisco.

lesioni menischi 03

  • Menisco esterno: più frequente la lesione della zona intermedia in maniera trasversale.

lesioni menischi 04

Successivamente ad una lesione del menisco viene ad essere intaccata la cartilagine che ricopre i capi articolari dando il via ad un processo degenerativo che sfocia in una irritazione della cartilagine stessa (condrite e condromalacia) e all’artrosi.

Esiste però un 16% di lesioni meniscali che rimane asintomatica, percentuale che arriva al 36% dopo i 45 anni.

Quali soni i sintomi delle lesioni dei menischi?

I sintomi sono relativi al danno e alla fase acuta o cronica:

  • Fase acuta: di solito successiva ad una distorsione, il paziente riferisce la sensazione di qualcosa che si è “spostato nel ginocchio”. Blocco transitorio con dolore anche durante piccoli movimenti, l’articolazione si gonfia in maniera evidente.
  • Fase cronica: pregressi blocchi articolari transitori, storia di traumi (distorsioni) poi risolti o microtraumi continui, sensazione di “scatto” del ginocchio durante i movimenti o scrosci articolari, sensazione di instabilità o evidente cedimento della gamba. Gonfiore lieve ma frequente, dolore saltuario.

La diagnosi

L’esame clinico si basa sulla valutazione dell’aspetto dell’articolazione (confrontandola con la controlaterale) per valutare eventuali tumefazioni o gonfiori, alla palpazione può risultare dolorosa la zona attorno alla rotula, inoltre ci si avvale di test clinici diagnostici specifici.

Il supporto delle indagini strumentali è determinante per la corretta diagnosi, l’esame sicuramente più affidabile è la risonanza magnetica, in alternativa la TAC. L’esame radiografico standard non è specifico per i menischi ma può essere utile per escludere altre lesioni scheletriche.

Il trattamento delle lesioni dei menischi

In caso di lesione al menisco lo specialista valuterà la possibilità di un trattamento conservativo o di un trattamento chirurgico.

La scelta deve essere scrupolosa in quanto frammenti di menisco nell’articolazione possono creare reazioni infiammatorie, processi degenerativi precoci o blocchi articolari, altrettanto l’intervento chirurgico, soprattutto se troppo demolitivo, espone l’articolazione del ginocchio ad artrosi precoce.

trattamento ginocchioIl trattamento conservativo si avvale di farmaci ad uso locale (infiltrazioni) o per via sistemica se necessario, ma è importantissimo un recupero funzionale corretto dell’articolazione del ginocchio, del miglioramento del tono muscolare (anche delle articolazioni vicine), una riorganizzazione delle funzioni propriocettive e di gestione dei carichi, e una programmazione relativa al recupero delle normali attività quotidiane o sportive.

Sei social? Allora condividi!
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print
2 commenti
  1. Giuseppe
    Giuseppe dice:

    Dopo una RM la diagnosi (Lesione pluriframmentata del corpo-corno posteriore del menisco mediale)ho fatto due infiltrazioni a distanza di una settimana,non vedo miglioramento cosa si puo’ fare x alleviare il fastidio? sto usando antinffiammatori.

    Rispondi
    • Dott. Andrea Lo Stocco
      Dott. Andrea Lo Stocco dice:

      Gentile Sig. Giuseppe,
      premetto che dovrei avere più informazioni che la riguardano, per esempio l’età oppure se la lesione è successiva ad un trauma o meno, in ogni caso immagino lei sia seguito da un ortopedico (che le sta facendo le infiltrazioni), che conosce la situazione meglio di me.
      Il consiglio che le posso dare è quello di affidarsi allo specialista per valutare un eventuale trattamento conservativo con un fisioterapista o se è il caso di fare una pulizia (con intervento chirurgico) per eliminare quei frammenti che possono essere all’origine dei sui disturbi.
      Spero di esserle stato utile e grazie per l’interesse

      Saluti

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *